Kevin De Bruyne, calciatore totale per disarmare il Real

La doppia sfida probabilmente si decideranno lì, nel mezzo, dentro il campo. Dove il talento soffierà veementemente e la qualità ondeggerà come un moto perpetuo dal quale sarà impossibile distaccarsi. Pep Guardiola a suo tempo l’ha dichiarato: “Giocare dentro è più difficile che giocare fuori“. Non tutti possono disegnare calcio con spazi ristretti e tempi ridotti, ma chi ha avuto – e allenato – questo dono, sarà in campo domani sera all’Etihad, nella semifinale di andata tra Manchester City e Real Madrid.

Rodri da una parte, Casemiro dall’altra; Gundogan per i Citizens, Kroos per i Galacticos; De Bruyne per Guardiola, Modric per Ancelotti. Nel processo di avvicinamento alla partita, la detonazione di classe generata da questi calciatori ci porta a porre l’accento proprio su KDB, a nostro avviso l’uomo più in forma del sodalizio inglese (ma vi narreremo dell’elemento scelto anche per gli spagnoli). Una stagione – verrebbe da dire la solita – nella quale il belga sta confermando il proprio status da calciatore capace di segnare un’epoca.

Spesso considerato il primo tra gli umani, nell’era di Cristiano e Messi, questo discorso – sul quale non torneremo per ovvie ragioni di prolissità – aiuta comunque a comprendere la portata tecnico-tattica di un calciatore che, sotto la sapiente guida dell’enorme Guardiola, ha elevato il proprio calcio, oggi tranquillamente definibile totale per conoscenza, protagonismo e coinvolgimento.

Quattordici gol e undici assist messi a referto finora non permettono di comprendere a pieno la bontà delle prestazioni del classe ’91: nel City della regia intesa come compito e non come ruolo, la sua capacità di saper disegnare traiettorie impensabili ai più lo rende tanto centrale quanto necessario. Il suo modo di stare in campo è piacevole, efficace e sensato. Le sue traiettorie irradiano, i suoi colpi feriscono gli avversari. È lui il pericolo numero uno per il Real Madrid: Kevin De Bruyne, giocatore Real per disarmare il Real.

By Redazione PianetaChampions

1 Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Post correlati