🟡🔴 Roma, De Rossi: “Rigori? Ero sereno. Non mi sento sotto esame”

Daniele De Rossi, allenatore della Roma, ha parlato in conferenza stampa al termine del match di ritorno contro il Feyenoord, grazie al quale i giallorossi hanno staccato il pass per gli Ottavi di Finale di Europa League. Ecco quanto raccolto da vocegiallorossa.it: “Ai rigori puoi vincere o perdere, questa cosa doveva finire prima o poi. Abbiamo dato una spallata al fatalismo, a tutte queste espressioni che abbiamo come il mai ‘na gioia, abbiamo fatto più di 180’ fatti nella maniera giusta, soffrendo a volte ma costruendo tante occasioni, il primo tempo dovevamo finirlo in vantaggio. La differenza poi la fanno i calciatori, avevamo 6-7 calciatori che volevano calciare il rigore, poi i rigori si possono sbagliare perché succede. Ero veramente sereno perché avevo visto i ragazzi super carichi, è sempre una responsabilità delicata.

Sapevamo che sarebbero stati diversi dagli undici titolari, ieri abbiamo parlato con i giocatori, ieri per esempio Zalewski li aveva segnati tutti, immaginavano che ci sarebbe stato Zalewski e non El Shaarawy, Angelino e non Spinazzola, Aouar e non Pellegrini. Abbiamo dovuto eliminare per forza Angelino che ha un piede favoloso, sono contento per Zalewski che lo ha segnato, sono contento per Aouar. Avevo giocatori pronti, una panchina che ha spinto i compagni, ho un portiere che ha parato i rigori e uno che ha festeggiato come se li avesse parati lui, il calcio finisce ma gli uomini restano e Rui Patricio è un grande uomo.

L’abbraccio con Lukaku? Il rapporto è meraviglioso, è un professionista incredibile, ha corso come un dannato, al 121’ ha rischiato di portarci agli ottavi direttamente, forse così è stato più emozionante, per lui sarebbe stato meglio di finirla qui. L’abbraccio è stato emozionante, inizio ad affezionarmi ai ragazzi, mi hanno bene umanamente e dal punto di vista del tecnico, mi hanno dimostrato che quello che faccio è credibile, si fidano, vanno a 2.000 in allenamento, ho abbracciato Lukaku e tutti, poi siamo ai sedicesimi di finale, è presto per i DVD. Penso che abbiamo vinto meritatamente. Llorente ha un trauma cranico ma penso non sia niente di grave, poi dobbiamo controllare un paio di giocatori, Pellegrini sentiva il solito flessore un po’ duro e contratto, abbiamo visto anche Aouar che secondo me è entrato bene e con qualità. Va più forte in partita che in allenamento, abbiamo bisogno di queste gare, magari non sono giocatori che fanno gridare alla sorpresa, ma Aouar si allena sempre bene mi piace più quando entra che in allenamento.

Ho superato anche l’ultima interrogazione per essere allenatore della Roma? Gli esami non finiscono mai, ne ho uno ogni tre giorni. Non mi sento sotto esame, faccio il mio lavoro e ai ragazzi parlo di volontà, chiedo loro di scattare al 100% della velocità, se ci pensi è follia, io dico loro di scattare e se hai questa volontà le cose ti vengono meglio in campo e nella vita. Io devo scattare, non sto a pensare quanto durerà, se 4 mesi o di più, questo lavoro mi piace tanto, già mi scoccia pensare al Torino, lavoro anche per serate come questa. Non è che dobbiamo riempire subito il Circo Massimo, ma dobbiamo godercela un po’. Mi piace condividere questa gioia con i ragazzi e i tifosi, contento che siano felici”.

By Redazione PianetaChampions

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Post correlati